Cemento Atlantico: “El congreso de los Fantasmas” è il nuovo singolo e video dall’album d’esordio “Rotte Interrotte”

Per El congreso de los Fantasmas, nuovo singolo tratto dall’album con relativo video, Cemento Atlantico ha utilizzato quattro diverse chitarre campionate in Colombia tra piazze, ostelli e TV d’altri tempi. Le voci sono state registrate a Bogotà, al Monasterio Santa Maria de la Epifania.

In Colombia, alla base della depressione Andina e all’ombra pluviometrica delle montagne, si srotola una foresta tropicale arida di 300 km2. Questo fazzoletto di “terra” è noto come “Desierto de Tatacoa” ed è letteralmente diviso a metà da una strada che separa due diverse colorazioni di terreno: da un lato si staglia un canyon rosso fuoco (secondo solo ai paesaggi di Sergio Leone) e dall’altro una distesa di calcare grigio, popolato da serpenti a sonagli (Tatacoas) e da ragni. Quest’ultimo lato è dominato da una naturale ma inquietante formazione somigliante a un “Congresso di fantasmi”, ovvero un gruppo di individui pietrosi a grandezza umana incredibilmente realistici, nascosti sotto a lenzuoli di calcare grigio levigati dal vento. “Un desierto nunca està deshabitado, ojos hechos de roca, alma grises vigilan la sequìa y el poder incivilizado“.

Dal racconto di Zoffoli: “C’è qualcosa di indimenticabile in questo brano. Non scorderò mai, infatti, la notte in cui ho campionato lo sconosciuto tema principale di chitarra di questa canzone… Stavo registrando la musica di un programma televisivo in un ostello della città di Villavieja in Colombia (dipartimento di Huila), bevendo delle birre con un paio di compagni di viaggio provenienti da Parigi. La trasmissione è stata interrotta da un’edizione straordinaria della BBC: era la notte degli attentati di Parigi del 13 novembre 2015 al Bataclan. Mi piace dedicare questo video a tutte le vittime di quel terribile evento. Ecco perché ci sono quei rumori di grancassa alla fine del pezzo e perché il video è uno strano ‘trip’ di fotogrammi in cui si possono vedere ferite, edifici e linee di collegamento spezzate“.

Più che un album, Rotte Interrotte è uno scrigno di racconti messi a tempo a occhi chiusi, nella profonda convinzione che tramite il suono si possa immaginare il mondo senza vederlo.

 

Cemento Atlantico, è il primo progetto discografico del dj/produttore italiano Alessandro “ToffoloMuzik” Zoffoli, concepito tra il 2020 e il 2021, in un silenzio orfano dal peregrinare e dalla condivisione sociale a causa del lockdown in questa era pandemica.

L’album Rotte Interrotte è un viaggio ai confini del mondo: Marocco, Vietnam, Perù, Cambogia, Colombia, India, Guatemala, Myanmar. Cemento Atlantico ha rapito Frammenti e Campioni dalla natura, dalla storia, dalla strada e dai luoghi sacri. Successivamente manipolato attraverso l’elettronica, i beats e la costruzione ritmica creando un suono davvero unico e contemporaneo, un vero e proprio melting pot culturale. Più che un album, “Rotte Interrotte” è uno scrigno di storie cronometrate ad occhi chiusi, nella profonda convinzione che attraverso il suono si possa immaginare il mondo senza vederlo.

Bandcamp

Cemento Atlantico – ‘Rotte Interrotte’

CLICK AND ORDER NOW!

Limited Edition Eco LP (100 copies)
Limited Edition Gold Transparent LP (200 copies)
Prodotti
Eventi
Lug, 5, 2022
ticket
€0
Lug, 12, 2022
ticket
€0
Lug, 19, 2022
ticket
€0
ticket
€0
Lug, 26, 2022
ticket
€0
Ago, 2, 2022
ticket
€0
Ago, 5, 2022
ticket
€0