R.Y.F. “Everything Burns” disco dell’anno per Claudia Durastanti su Internazionale

RYF – Everything Burns è disco dell’anno su Internazionale secondo Claudia Durastanti.

GRAZIE DAVVERO PER LE PAROLE BELLISSIME E PER AVER TROVATO IN QUESTO PROGETTO TUTTE LE DOMANDE E LE URGENZE E LE EMOZIONI CHE CI ABBIAMO SENTITO ANCHE NOI.

SI TRATTA CHIARAMENTE DELLA SORPRESA PIÙ INASPETTATA E DEL RICONOSCIMENTO PIÙ IMPORTANTE DELL’ANNO PER UN LAVORO CHE HA AVUTO ORIGINE DURANTE IL LOCKDOWN DELL’INVERNO 2020 GRAZIE AL PROGETTO LA ZONA D’OMBRA (BRONSON RECORDINGS). SI TRATTA INFATTI DELL’ESITO DI UNA RESIDENZA ARTISTICA ALLESTITA IN UN BRONSON CLUB A PORTE CHIUSE CON L’ASSISTENZA E LA PROFESSIONALITÀ’ DI BRUNO DORELLA (OVO, BACHI, RONIN) E ANDREA COLA (STONEBRIDGE, SUNDAY MORNING). IL RISULTATO SONO I 10 BRANI INEDITI CHE VANNO A COMPORRE “EVERYTHING BURNS”, STRAORDINARIAMENTE MIXATI E MASTERIZZATI DA MAURIZIO BAGGIO (BOY HARSHER, THE SOFT MOON).
NEL FRATTEMPO R.Y.F. È FINITA ANCHE NEI 100 NOMI DELL’ANNO DELLA MUSICA ITALIANA SECONDO ROCKIT.

“Prometteva di essere uno dei lavori più significativi del 2021 e, dopo tanti ascolti ripetuti e metabolizzati, la promessa è confermata. Anzi: Everything burns di R.Y.F. è diventato il mio disco italiano dell’anno insieme a Ira di Iosonouncane. L’artista Francesca Morello – l’acronimo R.Y.F. sta per restless yellow flowers, dagli “orribili fiori gialli inquieti” del Maestro e Margherita di Bulgakov, un primo amore letterario che l’accompagna nella trasformazione del suo stile e delle cose che ha da dire – ci ha affidato un disco teso e serpentesco, pieno di canzoni autonome, che brillano di luce propria anche fuori dalla tensione narrativa che le tiene insieme.” 

Continua a leggere…