La storia del Punk

“La storia del Punk” di Stefano Gilardino

Il 17 dicembre al Fargo ci sarà la presentazione del libro “La storia del Punk” di Stefano Gilardino: la grande storia del Punk, dalle origini allo scoppio del 1976, fino alle ultime evoluzioni stilistiche degli anni duemila.

“Nessun futuro” cantava Johnny Rotten mentre i Clash rispondevano a tono con “No a Elvis, no ai Beatles e ai Rolling Stones”. Il 1976 è stato l’anno zero della storia del rock, quello in cui la musica è ripartita da capo, con nuove energie e influenze inedite. Il punk rock, al contrario del suo slogan più celebre – nessun futuro, appunto –, ha dimostrato invece di averne uno molto brillante e non solo in campo musicale. Memore delle proprie radici, quelle di Stooges, Velvet Underground, New York Dolls e MC5, il punk ha cambiato il corso della storia con Sex Pistols e Clash nel Regno Unito e Ramones negli Stati Uniti, prima di evolversi in decine di sottogeneri altrettanto rivoluzionari come hardcore, post-punk, emo, metalcore… Concepito a immagine e somiglianza de La Storia Del Rock (con grandi sezioni e capitoli specifici arricchiti da box con curiosità, citazioni, analisi dei brani, luoghi cult, discografie e un’ampia sezione conclusiva dedicata alla scena italiana), il libro è un “must” per ogni appassionato di musica.

L’ autore

Stefano Gilardino, scrittore e giornalista musicale, ha iniziato la carriera in proprio, fotocopiando la sua fanzine punk hardcore “Senza Nome” all’inizio degli anni Ottanta. È stato redattore di importanti riviste italiane come Rock Sound, Speciale Punk, Onstage Magazine, Dynamo e Vida e collaboratore di XL/Repubblica, Rolling Stone, Bam! Magazine. Vive e talvolta si diverte a Milano.

▶︎Partecipa all’evento